I vincitori del Premio 2021

Grande successo per la prima edizione del riconoscimento all’attivismo civico in Africa intitolato alla memoria del noto giornalista e scrittore italiano. Tra le numerose candidature giunte da ogni parte del continente sono stati scelti due vincitori: il giornalista congolese Fammyy Mikindo e l’attivista marocchina Halima Oulami. Nel 2022 ci sarà la premiazione in Italia

Le candidature sono giunte da tutta l’Africa, numerose, oltre le più rosee aspettative dei
promotori. Segno che il Premio Raffale Masto – intitolato alla memoria del noto giornalista e scrittore, colonna storica della nostra rivista, scomparso il 28 marzo 2020 – a favore dell’attivismo civico in Africa ha centrato l’obiettivo.

L’idea, nata dal comitato Amici di Raffa e sostenuta dalla Fondazione Amani, era quella di fornire visibilità e sostegno a esponenti della società civile africana, donne e uomini “di buona volontà” che Raffaele Masto aveva raccontato nei suoi appassionati reportage. La risposta è stata sorprendente: sono arrivate candidature di attivisti, intellettuali, studenti, citizen journalist, blogger, ambientalisti, sindacalisti, artisti… persone impegnate nella difesa e nella promozione dei diritti umani, delle libertà individuali, della tutela delle comunità locali, delle minoranze, dei dissidenti e dell’ambiente in decine di Paesi africani.


Non è stato semplice per la giuria – presieduta dalla moglie di Raffaele, Gisele Ahou Kra – scegliere i vincitori della prima edizione, in tanti avrebbero meritato di aggiudicarsi il Premio (complessivamente cinquemila euro raccolti tramite campagna di crowdfunding e la possibilità di venire in Italia per far conoscere le proprie battaglie). Hanno prevalso due nomi a cui è stato assegnato ex aequo il riconoscimento.

Halima Oulami, 46 anni, attivista marocchina che alla periferia di Marrakech sostiene le donne più vulnerabili con centri di ascolto, rifugi per ragazze madri e vittime di violenza, corsi di alfabetizzazione e di formazione professionale, progetti di micro-imprenditoria femminile, ambulatori medici, una radio comunitaria e un caffè letterario, portando avanti da anni una coraggiosa battaglia di emancipazione contro politica e cultura maschilista.

Il giornalista congolese Fammyy Mikindo, 48 anni, è il direttore di Radio Téle-Vision des Grands Lacs, di cui abbiamo parlato in un articolo sul numero 5/2021 di Africa, emittente comunitaria indipendente del Sud Kivu (recentemente devastata da un incendio doloso), che da molti anni denuncia i soprusi, le sperequazioni economiche, il traffico illegale di minerali, i privilegi dell’élite e la corruzione dilagante.

Fammyy Mikindo e Halima Oulami (che riceveranno, ciascuno, 2.500 euro raccolti tramite una campagna di crowdfunding) si sono contraddistinti – in ambiti diversi ma ugualmente difficili – per l’impegno civico e la lotta alle vessazioni, all’illegalità e alle prevaricazioni, dimostrando audacia e talento, abnegazione e generosità, coraggio e integrità morale, dedizione incondizionata verso i diseredati e gli oppressi.


La premiazione avverrà a Milano nei prossimi mesi, compatibilmente con la situazione pandemica. Per restare aggiornato, conoscere gli altri candidati e sostenere il Premio Raffaele Masto, visita il sito amicidiraffa.it. Maggiori informazioni: info@amicidiraffa.it

I vincitori


Fammyy Mikindo (RD Congo)

A Bukavu, la sua città, è conosciuto come un giornalista coraggioso che sfida i potenti e dà voce agli emarginati. In pochi sanno che da giovane aveva pensato di fare il prete. Voleva “fare del bene, offrire conforto a chi soffriva”, essere un punto di riferimento per la sua comunità. Ma in seminario ben presto si è accorto che la sua strada sarebbe stata un’altra. Eppure la voglia di prendersi cura dei più vulnerabili è rimasta. Lo ha fatto nei panni del reporter. Un giornalista tenace, rigoroso, temerario, al servizio sua gente, sempre dalla parte degli “ultimi”.

Fammyy Mikindo, 48 anni, congolese, è il direttore di Radio Téle-Vision des Grands Lacs (RTVGL), emittente comunitaria, tra le poche antenne indipendenti del Sud Kivu, provincia del Congo orientale flagellata da oltre vent’anni da violenze e instabilità. I
suoi notiziari televisivi e radiofonici sono trasmessi nel raggio di 30 chilometri e raggiungono anche i villaggi della foresta infestata da banditi e milizie armate, dove vivono le comunità più isolate e vulnerabili. Attraverso i suoi microfoni vengono diffuse le voci delle donne vittime di stupri, dei sindacalisti, dagli attivisti, dei rappresentanti delle comunità di base, degli oppositori, degli esponenti della società civile. Voci che animano il dibattito, forniscono informazioni utili e di servizio pubblico (durante la pandemia si sono spiegate le norme anti-contagio), contrastano il tribalismo, mobilitano la popolazione… denunciano i soprusi, le scandalose sperequazioni economiche, il traffico illegale dei minerali, i privilegi dell’élite e la corruzione dilagante (il che rende l’emittente – al tempo stesso – molto popolare e molto fastidiosa: una spina nel fianco dei governanti). Il Premio contribuirà tra l’altro a riparare i danni causati da un incendio che poche settimane fa ha devastato la sede di RTVGL.

Halima Oulami (Marocco)


Halima Oulami, nata a Marrakech nel 1975, ha sempre vissuto nel quartiere di Sidi Youssef Ben Ali, quartiere “difficile” alla periferia della città. Qui si è fatta conoscere per le sue molteplici iniziative per l’emancipazione femminile e le sue battaglie contro una certa politica e cultura maschilista. Halima, sensibile ai temi sociali e alla condizione delle donne, nel 2003 fonda l’Associazione “El Amane pour la femme et l’enfant” che rivolge la sua attenzione alla popolazione più vulnerabile, supportando, fino ad oggi, più di 10.000 donne. Tra i progetti dell’Associazione ci sono centri di ascolto per le donne e dal 2011, nella regione di Marrakech, un centro per ragazze madri o vittime di violenza.

L’associazione inoltre organizza corsi di alfabetizzazione e di formazione professionale, oltre a corsi di francese e inglese. Un altro ambito dell’Associazione è il finanziamento di progetti di
microimprenditoria, sempre femminile. Anche nell’ambito medico l’Associazione ha svolto, dal 2009, un’importante azione di informazione e prevenzione riguardo a temi delicati come la trasmissione dell’HIV e la contraccezione, con numerose caravanes médicales. Infine l’entusiasmo di Halima ha portato le donne a far sentire la loro voce con la creazione di una stazione radiofonica all’interno del quartiere Sidi Youssef Ben Ali: radio comunitaria nata per diffondere la conoscenza dei diritti delle donne. Infine, nel marzo 2013, l’Associazione è riuscita ad aprire, sempre nel quartiere Sidi Youssef Ben Ali, un caffè letterario gestito dalle donne del centro di ascolto, dove accanto ai servizi tradizionali di un caffè, si può consultare la collezione di libri sui temi di diritti delle donne, studiare in una sala lettura, e comperare oggetti artigianali prodotti dalle donne.

Il Premio

In ricordo del giornalista e scrittore Raffaele Masto – una vita dedicata a raccontare il continente africano, scomparso il 28 marzo 2020 – è stata indetta la prima edizione del Premio Raffaele Masto – promosso dalla Fondazione Amani, organizzato dal Comitato “Amici di Raffa” in collaborazione con Rivista Africa e Radio Popolarea favore dell’attivismo civico in Africa, che intende fornire visibilità e sostegno a esponenti della società civile africana.

Il Premio è finanziato attraverso una campagna di crowdfunding (i dati per contribuire sono indicati in questa pagina alla sezione AIUTACI) aperta a chiunque desideri sostenere questa iniziativa, volta a mantenere vivi il ricordo e i valori di Raffaele Masto.

Per la prima edizione del Premio Raffaele Masto abbiamo ricevuto 20 candidature, tutte interessanti e di grande valore.

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato e grazie ai tanti che hanno sostenuto e reso possibile il Premio. Continuate a seguirci.